Innovazione e welfare: con Jojob le aziende risparmiano con il carpooling anche in trasferta


Funziona, fa risparmiare, limita le emissioni di CO2 in atmosfera e crea un ambiente di lavoro più sereno: è Jojob, il principale servizio di carpooling aziendale italiano che, con oltre 16.500 viaggi condivisi, 646.900,82 km risparmiati, e 105.670 kg di CO2 non emessi in atmosfera nel corso del 2016, si afferma come l’alternativa di trasporto nei tragitti casa-lavoro. Nato all’interno della start-up Bringme Srl, incubata presso I3P del Politecnico di Torino, Jojob è attivo con una piattaforma web (www. jojob.it) e con un’applicazione mobile che permettono di mettersi in contatto tra colleghi di lavoro o con i dipendenti di aziende limitrofe alla propria per condividere passaggi in auto. La app, prima al mondo, rende possibile la certificazione del risparmio ambientale, espresso in emissioni di CO2 evitate, e fornisce alle aziende aderenti un sistema di monitoraggio efficace e completo, con dati e statistiche sull’utilizzo del servizio da parte dei propri dipendenti e sul risparmio ambientale che consentono di ottenere certificazioni ambientali, energetiche e di Social Responsibility. Promuovere il carpooling aziendale permette all’azienda di offrire un’alternativa di trasporto innovativa ed ecologicamente sostenibile al personale dipendente: condividere l’auto tra colleghi significa diminuire la pressione per la ricerca del parcheggio, raggiungere il posto di lavoro in condizioni piacevoli, evitare condizioni di stress e risparmiare in media 611 euro nel corso dell’anno. Nel corso del 2016 sono stati 20.000 i passeggeri che hanno lasciato la propria vettura a casa scegliendo di utilizzare ogni giorno il servizio di carpooling di Jojob: a viaggiare a bordo della stessa auto sono in media 2,56 persone a tratta. I numeri parlano chiaro e mostrano il successo delle politiche di sharing economy applicate alla mobilità aziendale: Jojob conta più di 90.000 utenti iscritti, appartenenti alle oltre 100 aziende di grandi dimensioni coinvolte, come Findomestic, Amazon, Ducati, YOOX NET-A-PORTER GROUP, BNL Gruppo BNP Paribas, Unicoop Firenze, Luxottica, Salvatore Ferragamo, Reale Group e OVS. A queste si aggiungono il Carnia Industrial Park, il primo consorzio industriale che a livello nazionale promuove il servizio di carpooling, e altre 1.000 piccole e medie imprese che rafforzano i cluster interaziendali. Nel 2017 Jojob ha lanciato anche Jojob Ride, il nuovo servizio che permette di ottimizzare le trasferte aziendali grazie al carpooling. Le aziende iscritte al servizio possono gestire i viaggi di lavoro dei propri dipendenti tramite il sito www.jojobride.it e l’applicazione mobile “Jojob Ride”, strumento che consente di risparmiare sui costi di trasferta e ridurre le emissioni inquinanti. Registrandosi su Jojob Ride, l’utente può inserire il punto di partenza e di arrivo, la data in cui intende viaggiare e, infine, avviare la ricerca. La app calcola in automatico tutti i viaggi e i contatti affini con cui fare carpooling: ogni singolo viaggio presente sulla match table racchiude l’itinerario pubblicato dall’autista e l’orario di passaggio nel proprio punto di partenza. In alternativa, l’utente può pubblicare un viaggio come conducente e proporsi per offrire un passaggio. Il nuovo sistema di carpooling di Jojob Ride permette alle aziende di ottenere un risparmio reale, non solo in termini ambientali ma anche economici: se più dipendenti condividono lo stesso mezzo, l’azienda dovrà rimborsare solo i costi sostenuti dall’autista. Il risparmio sarà quindi da calcolare sulle spese non sostenute per gli altri dipendenti a bordo dell’auto. Ad esempio, considerando una trasferta andata/ ritorno Milano-Roma (1.200 km ca) ed un veicolo con un equipaggio di 3 persone, con Jojob Ride l’azienda può risparmiare fino a 420 euro per dipendente, per un totale di 840 euro sulla trasferta (calcolo effettua- to sulla base della tabella dei costi chilometrici dell’Aci), oltre ad evitare l’emissione di 312 Kg dCO2 in atmosfera.

1 visualizzazione